mar 21

Nicola Zingaretti è stato proclamato segretario del Partito Democratico all’Assemblea Nazionale riunita a Roma il 17 marzo 2019.
https://www.youtube.com/watch?v=4-6Ul1IFY4c&feature=youtu.be

Nella stessa assise sono stati eletti gli on.i Paolo Gentiloni presidente del Partito, Anna Ascani e Debora Serracchiani vicepresidenti, il sen. Luigi Zanda tesoriere.
I votanti alle elezioni Primarie erano stati 1.582.083, 7 mila i seggi, 10.214 cittadini che hanno votato all’estero nei 142 seggi in tutti i continenti.
Per Maurizio Martina hanno votato in 345.318 persone pari al 22% del totale.
Per Nicola Zingaretti hanno votato 1.035.955 persone pari a 66%.
Per Roberto Giachetti 188.355 persone, il 12%.
Sono 75 i delegati veneti eletti all’Assemblea Nazionale del Partito Democratico con le Primarie svolte domenica 3 marzo.
Di questi, 16 fanno riferimento alla lista “Veneto per Martina”, 8 alla lista “Sempre avanti con Giachetti e Ascani” e 51 alla lista “Piazza Grande Zingaretti”.
Equilibrata la parità di genere, con un leggero favore per gli uomini, eletti in 42, rispetto alle donne, 33.
I padovani Vanessa Camani ex deputata e Massimo Bettin ex segretario provinciale, sono stati eletti nella Direzione Nazionale.
Nel seggio di Cadoneghe, con un’alta l’affluenza alle elezioni primarie, gli elettori di centrosinistra avevano votato: il 73% per Zingaretti, il 13% per Martina ed il 14% per Giachetti.
Nel collegio elettorale dell’Alta Padovana, sono stati eletti nell’Assemblea Nazionale del Partito Democratico, l’on. Alessandro Zan nella lista di Martina e Gianluca Gaudenzio responsabile organizzativo del P.D. Provinciale, Arianna Toniolo segretaria del Circolo di Vigonza, Marco Guzzon del Direttivo e tesoriere del Circolo di Cadoneghe ed ex assessore comunale, nella lista di Zingaretti.

mar 1
icon1 admin | icon2 Notizie | icon4 1 mar 2019| icon3Nessun Commento »

Il Partito Democratico sceglierà il Segretario nazionale con le elezioni PRIMARIE PD
Possono partecipare tutti i cittadini che si dichiarino elettori PD accettando la carta dei valori e versando una piccola sottoscrizione di due euro. Si vota, con documento di identità e tessera elettorale, presso i seggi indicati di seguito. Sulla scheda elettorale troverete tre riquadri corrispondenti ai tre candidati alla carica di Segretario nazionale: per votare occorre fare una sola croce nel riquadro del candidato prescelto.

Si tratta di un grande momento di democrazia che solo il PD è in grado di offrire ai suoi elettori.

Vi invitiamo a partecipare numerosi!

Sala Consiliare Municipio di Cadoneghe

Dalle ore 8,00 alle 20,00

feb 13

Nel Consiglio Comunale dell’ 11 Febbraio la variante 5 del piano degli interventi è stata clamorosamente rinviata su richiesta del coordinatore Lacava della Lista Civica per Cadoneghe. Tale richiesta è stata votata anche dagli altri gruppi consigliari adducendo a pretesto che non ci sarebbe stato un sufficiente dibattito su questo tema.

In realtà, sono state fatte assemblee pubbliche in novembre e in dicembre oltre a tutte le riunioni di maggioranza. Rispetto all’ultima presentazione pubblica, la variante dell’area ex Grosoli non ha subito modifiche progettuali ma ha risposto soltanto a suggerimenti emersi proprio durante gli incontri con la cittadinanza in modo da poter rendere ottimale il progetto sia per l’Amministrazione che per il privato. Suggerimenti che sono stati quelli di rendere più funzionale e vivibile il passaggio tra la zona commerciale e residenziale.

Tutta la variante era comunque già stata presentata durante la seduta di commissione urbanistica presieduta proprio da Lacava e proprio perché non è stato cambiato niente in termini di convenzione , accordo pubblico-privato e piano di recupero è stata inserita nel piano complessivo delle varianti, come da prassi.

Ciò che è vergognoso è che, sempre Lacava, non abbia posto obbiezioni o richieste nella commissione (poteva anche chiedere una variante apposita) e che poi in consiglio comunale abbia fatto puro ostruzionismo per screditare l’amministrazione Schiavo in vista delle prossime elezioni.

Inoltre tutta la variante è pubblica e pubblicata in rete sul sito dell’Unione Medio Brenta, visibile da tutti i cittadini da fine gennaio.

Sulla nuova associazione “Progetto per Cadoneghe” non commentiamo in quanto, se si stanno preparando per le elezioni, dovrebbero sapere come funziona la macchina amministrativa, sapere dove si trovano gli atti pubblici di un comune o andare a verificare autonomamente come stanno le cose sul sito dell’Unione.

Il problema è che ad oggi più di 50 soggetti, tra cittadini e imprenditori, continuano ad attendere questa variazione rimettendoci soldi e investimenti.

Tra queste persone dobbiamo comprendere anche gli attuali proprietari dell’area ex Grosoli che hanno già pagato svariati oneri di urbanizzazione ed eseguito alcune opere previste nell’accordo con l’Amministrazione.
I cittadini sapranno senz’altro dare la giusta interpretazione a tutto questo.

Partito Democratico
Circolo di Cadoneghe

 

feb 5

 

 

 

 

 

 

gen 21

dic 29

Il Partito Democratico di Cadoneghe ha dovuto prendere atto con rammarico della scelta politica fatta da Mirco Gastaldon di lasciare la carica di vicesindaco e di assessore nell’Amministrazione comunale di Cadoneghe. Il rammarico riguarda il nostro Comune, che con questa decisione perde una valida risorsa. Il rammarico è accresciuto dal fatto che la decisione maturi in un clima fatto di circostante e dichiarazioni che richiederebbero, al contrario, di rafforzare la stabilità dell’Amministrazione comunale.

Le motivazioni portate da Mirco Gastaldon sono varie e articolate; il PD di Cadoneghe ritiene di rispettarle. È un rispetto che nasce anche dalla gratitudine.
Il PD di Cadoneghe ringrazia Mirco Gastaldon per quanto ha fatto in questi anni, come consigliere comunale, come sindaco e come assessore. In particolare durante i suoi mandati due mandati da sindaco nel 2004 e nel 2009 sono state realizzate importanti scelte ed opere nel comune di Cadoneghe, tanto che con la elezione a sindaco di Michele Schiavo è stato chiamato ad assumere la carica di assessore all’urbanistica e sviluppo del territorio.

Il PD di Cadoneghe è impegnato a dare futuro a questa storia amministrativa e politica. Nella comunicazione delle dimissioni Mirco Gastaldon ha scritto: “Al fine di non avvalorare ulteriori divisioni scelgo quindi di evitare oggi prese di posizione pro/contro che contrastino con la ricerca dell’unità per la quale invece mi adopererò con quanti intendano mettere aspettative personali da parte ritenendola ancora un valore.”

Il PD di Cadoneghe confida che per lui e per tutti gli altri democratici tutto ciò possa essere ricercato e svolto all’interno del Partito Democratico, una comunità politica e civile che ha saputo in questi anni, seppur difficili, governare secondo i valori di democrazia, uguaglianza, libertà, antifascismo e crescita sociale. Valori che sono le radici fondamentali del Partito.

Partito Democratico
Circolo di Cadoneghe

« Articoli precedenti Articoli successivi »