gen 30

Le primarie del 23 febbraio per la scelta del candidato sindaco di centrosinistra alle prossime Elezioni Comunali di Cadoneghe stanno entrando nel vivo: domenica 16 febbraio alle ore 10 in Sala Consiliare, una settimana prima del voto, avrà luogo il confronto tra i due candidati Enrico Scacco e Michele Schiavo, con Giovanni Saonara a far da moderatore.

La coalizione, formata da PD, SEL e Lista Civica “Per Cadoneghe” ha sottoscritto la Carta d’Intenti e i due candidati hanno firmato anche il “Codice di Comportamento” che contiene norme relative alla propaganda, ai limiti di spese, a eventuali riscorsi ecc.

Il Comitato Organizzatore è composto da Noemi Muraro (coordinatrice), Iacopo Munaro, Mara Favero e Marco Guzzon per il PD, da Chiara Marin per SEL, Edoardo Lacava per la “Lista Civica per Cadoneghe” e da Gianluca Gaudenzio, nominato dal Partito Democratico Provinciale.

La data della consultazione è stata fissata per domenica 23 febbraio. Si voterà dalle ore 8 alle ore 20. I seggi saranno tre:
seggio A – MEJANIGA presso la SALA CONSILIARE (SEZIONI ELETTORALI n. 3/4/5/6/7)
seggio B – CADONEGHE presso la SALA DELLE ASSOCIAZIONI sopra Spogliatoi campo sportivo di via Rigotti
(SEZIONI ELETTORALI n. 1/2/14/15)
seggio C – BRAGNI presso la SCUOLA FALCONE E BORSELLINO (SEZIONI ELETTORALI n. 8/9/10/11/12/13

Possono votare tutti i residenti di Cadoneghe. Tutti i cittadini comunitari ed extracomunitari (con regolare permesso di soggiorno). Tutti i ragazzi dai 16 anni in su. Il contributo per l’autofinanziamento (che serve per pagare l’affitto delle sale e la Campagna Elettorale) sarà di 1 euro. Per gli studenti (con badge, libretto universitario o libretto scolastico di media superiore) o i disoccupati con autocertificazione, non sarà richiesto nessun contributo. Chi vorrà votare dovrà presentarsi con documento d’identità e per chi la possiede la Tessera Elettorale.

Il sito di riferimento per le Primarie è all’indirizzo: http://primariecadoneghe2014.wordpress.com

I CANDIDATI

ENRICO SCACCO

Enrico Scacco ha 30 anni, ed è da sempre impegnato in politica, a Cadoneghe e in provincia, prima come militante dei Democratici di Sinistra, oggi come membro del Direttivo del Partito Democratico. Vive a Cadoneghe da quando è nato e lavora qui da anni, come amministratore condominiale. Laureato all’Università di Padova in Scienze della Comunicazione, ha approfondito i suoi studi a Roma, laurea magistrale in Comunicazione pubblica e istituzionale, e a Tampere, in Finlandia.

- Il sito di ENRICO SCACCO è all’indirizzo: www.enricoscacco.it

***

MICHELE SCHIAVO

Michele Schiavo ha 48 anni, è nato e vive a Cadoneghe. Sposato con Nicoletta Chillon, è padre di Alice (21 anni) e Anna (16 anni). Diplomato, lavora da 27 anni come impiegato alla GRIGGIO spa (azienda storica e leader mondiale nelle macchine di lavorazione del legno, nata a Cadoneghe). Con la sua famiglia da oltre 20 anni è impegnato in un percorso di volontariato attivo verso le categorie più deboli e svantaggiate. E’ stato eletto nella Lista Civica “Cadoneghe Città Ambiente” nel 2009, anno a partire dal quale gli è stato affidato l’assessorato che riunisce le funzioni relative all’Ambiente.

- Il sito di MICHELE SCHIAVO è all’indirizzo: www.schiavomichele.it

gen 24

Lunedì 27 gennaio 2014 ore 21 – Auditorium “E. RAMIN” a Cadoneghe (via Rigotti, 2)

Straordinario concerto per IL GIORNO DELLA MEMORIA: il Trio Malipiero (Giacomo Dalla Libera – pianoforte, Tommaso Luison – violino, Giancarlo Trimboli – violoncello) e Corrado Orlando, primo clarinetto dell’Orchestra del teatro “Carlo Felice” di Genova, eseguono la “Notte dei Cristalli” di W. Neil e il “Quartetto per la Fine dei Tempi” di O. Messiaen, brano scritto ed eseguito per la prima volta nell’inverno 1940-41 in campo di concentramento.

NOTTE DEI CRISTALLI è un tributo ai bambini che spesso sono vittime innocenti delle tragiche e violente azioni degli uomini.
Il compositore americano William Neil si riferisce alla tragica notte tra il 9 e 10 Novembre 1938, quando la Germania Nazista condusse un pogrom antisemita di vastissime proporzioni in Austria, Germania e Cecoslovacchia. Neil concentra la forza espressiva del brano musicale nel descrivere la violenza cieca che non risparmia i bambini e la loro innocenza, presente nel brano attraverso la ripresa di due canzoni tradizionali ebraiche.
L’opera, della durata di circa 7 minuti, è dedicata al Trio Malipiero, che la ha eseguita in prima assoluta nel giugno 2013 a Crespano del Grappa.

QUATUOR POUR LA FIN DU TEMPS è uno dei più grandi capolavori di musica da camera del Ventesimo Secolo, scritto tra la fine del 1940 e i primi giorni del 1941, nel campo di concentramento di Görlitz, in Germania. Il compositore Olivier Messiaen, prigioniero a Görlitz, scrisse l’opera per alcuni musicisti conosciuti durante la prigionia, e da essi il quartetto fu eseguito il 15 gennaio del ’41, sotto la neve e in condizioni difficili, di fronte a tutti i prigionieri dello Stalag VIII A radunati in un piazzale gelato.
L’opera, di ispirazione filosofica e religiosa, è dedicata all’Apocalisse e affronta il tema della fine del Tempo, con un approfondimento e un’ispirazione legata al momento tragico che l’Umanità intera stava vivendo negli anni del secondo conflitto bellico.
In molte parti d’Italia e del mondo il Quatuor pour la fin du temps viene eseguito il 27 gennaio, giorno della liberazione del campo di sterminio di Auschwitz, in ricordo della tragedia della Shoah.

Ingresso euro 5,00.

Organizzazione AVAM con contributo del Comune di Cadoneghe e patrocinio Ass.
Pro Loco Cadoneghe.

ALTRE INFO SUL SITO DELLA PRO LOCO CADONEGHE

gen 24

Il Comune di Cadoneghe ha programmato una serie di iniziative per il GIORNO DELLA MEMORIA. Eccole in dettaglio:

SABATO 25 GENNAIO 2014 – ore 11.00
AULA MAGNA ISTITUTO COMPRENSIVO “DON MILANI”

iniziativa per studenti della scuola secondaria di primo grado
Associazione Teatrale TerraCrea presenta: MAI DIMENTICHERO’
Testi poetici, letterari, testimonianze, esecuzione dal vivo di canti in lingua yiddish, cantati e suonati dal maestro Guido Rigatti, polistrumentista

***

SABATO 25 GENNAIO 2014 – ore 21.00
AUDITORIUM RAMIN – via Rigotti

spettacolo teatrale – ingresso gratuito
Compagnia teatrale Bel.teatro
VEDRAI CHE E’ BELLO VIVERE

***

LUNEDI 27 GENNAIO 2014 – ore 21.00
AUDITORIUM RAMIN – via Rigotti

concerto Trio Malipiero e Corrado Orlando – ingresso euro 5
QUARTETTO PER LA FINE DEL TEMPO – OLIVIER MESSIAEN
con patrocinio di: Pro Loco Cadoneghe; Associazione Veneta Amici della Musica.

***

SABATO 1 FEBBRAIO 2014 – ore 16.00
SALA CONSILIARE DEL MUNICIPIO

“LA PAROLA EBREO”
presentazione del libro di Angelo Ventura (Università di Padova): “Il fascismo e gli ebrei” – Donzelli Editore 2013, con letture e proiezione. Intervengono:
• Sebastiano Leotta (docente di storia)
• Irene Barichello (ANPI Padova)
E’ prevista la presenza dell’autore.

gen 12

Saranno Enrico Scacco e Michele Schiavo i due candidati alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco di Cadoneghe alle prossime amministrative in programma domenica 25 maggio 2014. E’ questo il responso dell’assemblea degli iscritti al PD Cadoneghe, tenutasi questa mattina in sede.

Augusta Parizzi si è invece ritirata dalla competizione, non avendo raccolto il numero minimo di sottoscrizioni tra gli iscritti al circolo (almeno il 25%).

Entrambi i candidati appartengono al Partito Democratico. La coalizione di centrosinistra è formata, oltre che dal PD, da SEL e da “La Lista Civica per Cadoneghe”, un gruppo di cittadini coordinato dal consigliere comunale Edoardo Lacava.

L’assemblea è stata presieduta dal segretario Mauro Giacomini, con la partecipazione del segretario provinciale Massimo Bettin. Dopo l’intervento di Noemi Muraro a nome del comitato di garanzia, i due candidati si sono presentati e hanno illustrato a grandi linee il loro programma e altri iscritti sono intervenuti successivamente.

Il prossimo step sarà la costituzione del comitato organizzatore, con rappresentanti di tutti i movimenti della coalizione, cui compete, tra l’altro, la scelta della data di svolgimento delle Primarie.


CLICCA PER LEGGERE L’ARTICOLO DEL MATTINO DI PADOVA