lug 31

E’ stato adottato questa mattina, dal Consiglio Comunale di Cadoneghe, il PATI Cadoneghe-Vigodarzere, con il voto a favore del gruppo di maggioranza. Assente l’opposizione e il cons. Paolino Beccaro, che hanno abbandonato il Consiglio per protesta prima ancora della discussione. Questa la dichiarazione di voto di Alberto Savio, capogruppo “Cadoneghe Città e Ambiente” e segretario del Pd di Cadoneghe.

“Dopo una gestazione che ha richiesto qualche anno, oggi adottiamo finalmente il PATI, il nuovo strumento urbanistico che rappresenterà il punto di riferimento per lo sviluppo del nostro Comune nei prossimi dieci anni.

E’ significativo sottolineare che il nostro Comune, tra tutti quelli della provincia, arriva per primo a questo importante passaggio e ci arriva assieme al Comune di Vigodarzere, col quale sono state impostate le linee guida dello sviluppo del territorio in copianificazione con la Provincia, attuando efficacemente lo spirito delle nuove disposizioni in materia di urbanistica.

In questa fase di definizione del PATI non sono mancate, come previsto dalla legge regionale, le occasioni di coinvolgimento della cittadinanza. Riteniamo importante che questa attenzione venga mantenuta anche nel prossimo periodo, nel rispetto delle prerogative dei cittadini, che potranno avanzare osservazioni formali allo strumento. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 30

Sta per arrivare il mese di Agosto con altre Feste Democratiche: alcune sono storiche riedizioni, altre rappresentano interessanti novità nel panorama provinciale.
Tutti possono approfittare dell’ottima cucina e degli spettacoli e partecipare ai dibattiti sui temi di attualità politica e sociale.

STANGHELLA, dal 30 LUGLIO al 15 AGOSTO
presso area Feste – Zona Artigianale Stanghella

CAMIN – PADOVA dal 6 al 16 AGOSTO
Impianti sportivi via Lisbona Padova

ANGUILLARA VENETA dal 13 al 24 AGOSTO
presso gli Impianti Sportivi

VIGODARZERE dal 12 al 16 AGOSTO
Parco Iride – Via Alessandrini

CONSELVE dal 26 AGOSTO al 5 SETTEMBRE
presso Area Luna Park – Conselve

lug 23

Torna la Festa Democratica di Abano Terme che si terrà presso la splendida cornice di Villa Bassi da Venerdì 23 LUGLIO a Lunedì 2 AGOSTO. Anche quest’anno durante tutte le 11 serate di Festa si potrà cenare al Ristorante con i fantastici piatti della cucina, assistere a sorpredenti spettacoli musicali presso il Bar dei giovani e seguire appassionanti dibattiti che spaziano sui numerosi temi della vita di tutti i giorni.

Il programma dei Dibattiti prevede, con inizio alle ore 21:

- VEN 23 “Le Parole della Politica”, con Antonia Maddalosso, Marco Damilano (giornalista Espresso), Gianfranco Pasquino, Margherita Miotto, Marta Meo;
- SAB 24 “In buone mani: dal territorio i frutti delle buone amministrazioni del PD”, con Vanessa Camani, Marta Vincenzi (Sindaco di Genova), Catiuscia Marini (Presidente Regione Umbria), Giancarlo Piva Sindaco di Este, Davide Zoggia
- DOM 25 “Acqua Termale: un bene pubblico” con Piero Ruzzante e Paolo Fabbri (idrogeologo)
- LUN 26 “BERLUSCONARIO: tutte le gaffe del presidente”, con l’autore del libro omonimo Giovanni Belfiori, Paolo Giaretta, Massimo Donadi (IDV)
- MAR 27 “Economia e Lavoro: per un nuovo patto sociale”, con Antonio Malatrasi, Stefano Fassina, Jacopo Silva, Matteo Rettore, Federico Ossari
- MER 28 “1990-2010: vent’anni di calcio italiano”, con Stefano Edel e Daniele Ongaro
- GIO 29 “Chi taglia la Scuola taglia il Futuro”, con Giovanni Ponchio, Roberta Puglisi (resp. naz. Scuola del PD), Roberto Fasoli, Claudio Sinigaglia
- VEN 30 “La nuova frontiera dei Diritti”, con Beppino Englaro, M.A. Farina Coscioni, Luigi Creazzo
- SAB 31 “Prepariamo giorni migliori per Abano Terme”, con i consiglieri comunali di Abano Terme del Pd
- DOM 1 “La legalità a rischio: quando sicurezza e giustizia vengono considerati una spesa” con Andrea Orlando, Flavio Zanonato, Alessandro Naccarato, Paolo Carlotto
- LUN 2 “Il Veneto nell’era di Zaia. Storie di malgoverno e nuove prospettive” con Felice Casson, Laura Puppato e Rosanna Filippin

Tutte le informazioni sulla festa sono sul sito: http://www.festademocraticaabano.it

lug 21

Il sindaco Mirco Gastaldon con il segretario Pier Luigi Bersani

Il territorio del Comune di Cadoneghe è servito solo parzialmente dalla linea telefonica ADSL, con il risultato che molti cittadini non possono ancora collegarsi ad alta velocità alla rete internet e fruire dei moderni servizi telefonici interattivi. Poiché le compagnie telefoniche non hanno ritenuto conveniente investire nel potenziamento della rete “via filo”, il Comune ha deciso di adottare l’unico sistema per ovviare a questo impedimento tecnico: ricorrere a una rete radio Lan, che opera a mezzo connessione wireless.

La gara d’appalto del servizio si è già conclusa e ad aggiudicarsela è stata la ditta E4A Srl di Schio (www.e4a.it), operatore che avrà ora il compito di realizzare una infrastruttura radio Lan finalizzata alla copertura internet ad alta velocità di tutte le parti di territorio comunale attualmente “scoperte”. Ma la rete opererà in tutto il territorio comunale, perciò chi vuole potrà scegliere se navigare in Internet via filo o wireless.

“Finalmente anche zone come Cadoneghe storica saranno collegate in banda larga – dice il sindaco Mirco Gastaldon –. L’economicità e il carattere fortemente innovativo di una rete radio Lan può garantire il collegamento internet ad alta velocità nell’intero territorio comunale, ovviando così alla mancanza dell’Adsl e agli elevati costi dell’Hdsl. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 21

Cadoneghe, 5 luglio 2010 – Riuscito positivamente l’incontro organizzato dal circolo di Cadoneghe con Fausto Raciti, segretario nazionale dei giovani democratici, Filippo Silvestri, segretario regionale del Veneto e Mattia Rossin, vice segretario della provincia di Padova, entrambi dirigenti dei giovani democratici.

In occasione della festa democratica, svoltasi dal 3 all’11 luglio scorso a Cadoneghe, molti giovani si sono ritrovati all’incontro del 4 luglio per discutere di vari temi, sollevare questioni e chiedere chiarimenti a proposito dell’operato del partito. Il fatto di avere dei funzionari che lavorano all’interno della provincia, della regione ed in tutta Italia ha permesso di avere un ampio e al tempo stesso dettagliato riscontro sulla situazione dei giovani democratici in ogni ambito territoriale.

Dopo una breve introduzione di Enrico Nania, consigliere comunale di Cadoneghe con delega alle politiche giovanili, ha aperto la serata Raciti che ha posto l’attenzione dei giovani sul precariato all’interno del mondo del lavoro e sulla una situazione non proprio felice dei giovani italiani, che vede solo un giovane su 5 con un lavoro a tempo indeterminato ed un tasso di disoccupazione giovanile pari al 30%. Si è discusso molto anche sul futuro e sulla necessità di coesione del partito, a partire dall’operato dei giovani, forse meno influenzato dalle vecchie logiche di partito e dalle due fazioni originarie che purtroppo in alcuni casi ancora incrinano la solidità del partito stesso. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 17

È necessaria una manovra di correzione dei conti pubblici italiani? Certamente. Un paese con un enorme debito pubblico e deboli prospettive di crescita deve consolidare il proprio merito di credito: tutti gli stati hanno fatto crescere il deficit nel 2009. Tutti sono ora alla ricerca di compratori dei loro titoli. E se noi non ci presentiamo con le carte in regola…

È sufficiente, la manovra da 25 mld decisa dal Governo? Sì, se si trattasse solo di affrontare il problema del deficit e del debito. No, se si tratta – come si tratta – di compiere scelte che aiutino il paese ad affrontare anche il secondo dei suoi problemi: ritmo di crescita troppo basso, a sua volta frutto amaro della insufficiente crescita della produttività del lavoro e dei fattori. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 15

Relazione di minoranza al decreto legge sulla manovra economica (d.l. 31 maggio 2010 n. 78).
L’intervento in Aula del Senatore Giaretta – 13 luglio 2010

La debolezza più grave della manovra è la sua mancanza di ambizione e coraggio. La crisi sempre può costituire una occasione: per migliorare i fondamentali del paese, per affrontare quelle riforme strutturali che in condizioni normali sono più difficili da fare. Un’occasione che non dovrebbe essere sprecata.

La crisi è invece per il Governo diventata un alibi. Per affrontare senza discussione all’interno stesso del Governo una manovra senza prospettiva, di fronte ad una urgenza ostinatamente negata per un lungo periodo.

Vi sarebbe stato lo spazio per un discorso franco al paese. Certamente sarebbe stato possibile fare appello alle migliori energie della nazione, costruire un consenso reale attorno alle cose che servono. Ce lo saremmo aspettato, l’opinione pubblica avrebbe capito il senso di sacrifici necessari per il bene comune, purché equamente ripartiti e finalizzati a lasciare un paese migliore, più giusto e competitivo. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 13

Un frammento del dibattito che ha avuto luogo alla Festa del PD di Cadoneghe con Beppino Englaro, Stefano Allievi e Beatrice Dalla Barba. Beppino Englaro parla della sua lunga e dolorosa battaglia, durata anni, per liberare la figlia Eluana dal suo stato vegetativo permanente. Un calvario personale pieno di ostacoli e una battaglia per la difesa della libertà di tutti e della dignità della persona umana. Un intervento che ha profondamente toccato le coscienze di tutti, una testimonianza di valore universale.

Un ringraziamento a Stefano Saoncella per la preziosa collaborazione.

lug 12

Siamo al primo compleanno della nuova compagine targata “Cadoneghe Città e Ambiente”. Un anno è un tempo breve per un’amministrazione, ma un bilancio si può almeno abbozzare. Abbiamo vinto le elezioni puntando su concetti come crescita sostenibile, potenziamento dei servizi, tutela dell’ambiente e risparmio energetico, cura della persona, inclusione e socialità: principi di grande valore, che danno un senso all’impegno di tutti noi. Vanno costantemente tradotti nella pratica amministrativa quotidiana e nei grandi progetti di trasformazione del Comune. E’ questa la sfida più difficile: passare dalle enunciazioni di principio a scelte concrete, a progetti, a opere. A che punto siamo?

CRESCITA SOSTENIBILE

Il Pati è in dirittura d’arrivo. Portatore di una visione armoniosa dello sviluppo del nostro Comune, mira a una crescita “compatta” delle aree produttive, al mantenimento del verde, a una divisione razionale delle aree, pre-condizioni essenziali per una buona qualità di vita. A questa esigenza risponderanno anche il progetto di riqualificazione dell’area ex Grosoli, il prolungamento del Metrotram, e la nuova strada di collegamento della Z.I. con la Regionale 308 del Santo, tutte opere molto attese dai cittadini. LEGGI IL TESTO COMPLETO »

lug 8

Venerdì 9 luglio alle 21 allo Spazio DIBATTI della Festa del Pd di Cadoneghe, il senatore del Partito Democratico MARCO STRADIOTTO presenta il suo dossier “Federalismo: frammenti d’Italia. Confronto tra le entrate e le spese delle diverse Regioni e Province autonome e trasferimenti ai Comuni delle Regioni a statuto ordinario”.

Partecipa il Sindaco di Cadoneghe MIRCO GASTALDON.

Il Veneto, evidenzia la ricerca, è tra le prime regioni d’Italia per contributo procapite al gettito fiscale, ma è in coda alle classifiche sulla spesa e sui trasferimenti. Dalle diverse “classifiche” stilate da Stradiotto emerge infatti che la Regione con spese più basse per ciascun abitante è proprio il Veneto: 1896 euro per ogni cittadino. Spicca il record della Valle D’Aosta che è addirittura a 8.116 per abitante, ma la spesa veneta è comunque più bassa anche di altre Regioni come la Lombardia (2639 euro per ogni abitante) o il Piemonte (2250 euro in media). Viceversa, sempre dallo studio di Stradiotto emerge anche che il Veneto è anche quello più basso in classifica per i trasferimenti dallo Stato centrale ai Comuni. Ogni cittadino della nostra regione riceve infatti in media 210 euro per il suo Comune, mentre al top ci sono i residenti della Basilicata con 335 euro a testa.

Come cambiare la situazione? Il senatore del Pd, già sindaco di Martellago, propone: “Dare agli enti locali autonomia, ma anche responsabilità: con tasse gestite in modo chiaro e trasparente dai diversi livelli istituzionali, da introdurre subito, in cambio però di una parallela riduzione del carico fiscale dovuto alle tasse dello Stato centrale. Altrimenti crescerà a livelli record un carico fiscale che già oggi è a livelli di picco storico.”

Non mancate all’appuntamento.

La Festa dura fino a domenica 11 luglio: ogni sera I RISTORANTI, IL BAR, LA MUSICA DAL VIVO.

« Articoli precedenti