giu 26

E’ stata un successo la colletta organizzata dai Giovani Democratici di Cadoneghe in favore delle popolazioni terremotate dell’Emilia Romagna.

Sabato scorso, 23 giugno 2012, i giovani del circolo hanno presidiato il mercato della Castagnara e Piazza del Sindacato, raccogliendo soprattutto acqua, carta igienica, prodotti alimentari a lunga scadenza.

I beni raccolti saranno ora affidati alla protezione civile di Vigonza, che si impegnerà a consegnarli a chi ne ha bisogno senza intralciare le operazioni di assistenza e soccorso.

Il punto di raccolta principale di raccolta è stato la sede di Cadoneghe del PD: la foto ritrae i prodotti stivati nel magazzino. Un ringraziamento sincero ai tanti cittadini che hanno generosamente voluto contribuire alla colletta.

giu 26

giu 26

La festa inizia SABATO 7 luglio, e dal giorno dopo entriamo nel vivo del dibattito politico, con gli interventi del segretario provinciale Federico Ossari e dell’on. Margherita Miotto.

A partire da lunedì poi si animerà lo spazio DIBATTITI: molti i temi trattati con autorevoli esperti ed esponenti di primo piano del Partito Democratico, tra cui il vicepresidente nazionale IVAN SCALFAROTTO (lun. 9 luglio) e la capogruppo PD in Regione LAURA PUPPATO (merc. 11 luglio).

***

08/07/12 domenica
PALCO CENTRALE ore 22

Interventi di FEDERICO OSSARI, segretario provinciale PD, e MARGHERITA MIOTTO, deputata PD

***

09/07/12 lunedì
SPAZIO DIBATTITI ore 21

“Economia, crescita, lavoro. Ripartire dopo la grande crisi.”

IVAN SCALFAROTTO, vicepresidente nazionale PD
PAOLO GIARETTA, senatore PD
PIERANTONIO SGAMBARO, imprenditore, presidente Pastificio Jolly Sgambaro
GIANNI CASTELLAN, Segr. Provinciale FIM CISL
GIANLUCA GAUDENZIO, responsabile Forum Lavoro PD provinciale
PAOLO TOGNON, segretario prov. Giovani Democratici, SEBASTIANO RIZZARDI, resp. Comunicazione PD provinciale e ALBERTO SCAPIN, filmmaker, presentano “2012 – FARE PAURA ALLA CRISI”

Modera: ALBERTO SAVIO, segretario PD Cadoneghe

***

10/07/12 martedì
SPAZIO DIBATTITI ore 21

SERATA DONNE

“LIBERE” atto unico di Cristina Comencini con Daniela Zangara e Agnese Masiero
Interverranno Milvia Boselli, portavoce, e altre rappresentanti del movimento “SNOQ – Se Non Ora Quando” di Padova.

Modera: LUCIA VETTORE, PD Cadoneghe

***

11/07/12 mercoledì
SPAZIO DIBATTITI ore 21

“Tra politica e “antipolitica”. Dove va il Veneto?”

LAURA PUPPATO, capogruppo PD Regione Veneto
RENZO MAZZARO, giornalista, autore del libro “I padroni del Veneto” (ed. Laterza)
FABRIZIO DE CHECCHI, ex presidente Eurispes Nordest

Modera: MARIA COCCHIARELLA, PD Cadoneghe

***

12/07/12 giovedì
SPAZIO DIBATTITI ore 21

“I Comuni e le Città del futuro. Unioni, aggregazioni, fusioni, aree metropolitane.”

MIRCO GASTALDON, sindaco di Cadoneghe, coordinatore PD cintura urbana
FRANCESCO VEZZARO, sindaco di Vigodarzere
IVO ROSSI, vicesindaco di Padova
FABRIZIO GIOVANNONI, sindaco di Incisa in Val d’Arno

Modera: CRISTINA SALVATO, giornalista

***

13/07/12 venerdì
SPAZIO DIBATTITI ore 21

“Sviluppo economico e consumo del territorio. Quale futuro per il paesaggio veneto?”

BENEDETTA CASTIGLIONI, geografa Università di Padova ed esperta in paesaggio
ANDREA RAGONA, presidente Legambiente Padova
DEVIS CASETTA, direttivo Ecologisti Democratici Padova

Modera: AUGUSTA PARIZZI, PD Cadoneghe

***

15/07/12 domenica
PALCO CENTRALE ore 22

Interventi di ROSANNA FILIPPIN, segretaria regionale PD, e ALESSANDRO NACCARATO, deputato PD

giu 24

Buon giorno a tutti, buongiorno Segretario,

grazie per questa opportunità.

Sono il segretario fortunato di un circolo fortunato. Il Circolo di Cadoneghe (comune di 16 mila abitanti, alle porte di Padova) ha molti iscritti, fa una delle feste più partecipate a livello provinciale, che coinvolgono un centinaio di volontari, ha una sede importante, nel centro del nostro comune, amministra il Comune con il sindaco e molti assessori e consiglieri.

Naturalmente non c’è solo fortuna in tutto questo, anzi, c’è una lunga tradizione di buona amministrazione, c’è molto lavoro, molta attenzione, un dialogo costante con i cittadini, molta presenza nel territorio. Le differenze tra chi si richiama a storie politiche diverse e chi è entrato con la nascita del Pd non mancano, naturalmente, ma non rappresentano un ostacolo insormontabile, sono il più delle volte occasione di confronto e di arricchimento reciproco vero.

Eppure segnali di stanchezza li vediamo, si respira meno passione politica di un tempo, registriamo una flessione del tesseramento e della partecipazione. Le cause sono molteplici e le conosciamo. Questi segnali però sono particolarmente preoccupanti perché fra meno di un anno si vota e noi vogliamo una vittoria netta e convincente del Partito Democratico e del centro sinistra.

Io credo che gran parte del successo del Partito Democratico dipenderà da quanto sarà capace di valorizzare e coinvolgere la parte più sana e più “vera” del Partito che sono i Circoli. Sono la parte più sana e più vera perché non ci sono privilegi da ottenere e ricche indennità da spartire.

I Circoli rappresentano un patrimonio di enorme valore per il PD. Forse non ce ne rendiamo conto abbastanza. Tutti gli altri partiti ci invidiano per i nostri circoli, e per le nostre Feste, che oltre a essere una fonte di finanziamento pulito, sono anche strumenti sociali straordinari: quasi tutti hanno tentato di copiarceli, nessuno è riuscito a creare nulla di paragonabile.

I Circoli vanno valorizzati e coinvolti, le azioni del Partito che hanno come riferimento i Circoli devono essere più frequenti, di alta qualità e con un alto livello di coinvolgimento. I Circoli vanno coinvolti anche nel confronto sui contenuti e nella definizione della linea politica del nostro partito. Gli strumenti oggi non mancano. L’iniziativa attuata per questa assemblea va sicuramente in questa direzione.

Il rilancio del Partito Democratico deve dunque partire dai Circoli. E deve ripartire dai contenuti… Sono certamente importanti le primarie, facciamole sia per la leadership sia per le candidature al Parlamento, ma questi passaggi io li ho sempre considerati scontati. Sono già nel nostro Statuto, quindi andiamo oltre, perché abbiamo urgenza di parlare di Contenuti, di semplificarli laddove sono complessi senza ridurli a formule magiche, e di spiegarli agli elettori.

E naturalmente il principale contenuto riguarda l’economia, il lavoro, il rilancio delle nostre attività produttive, artigianali, commerciali. Io vengo da una regione, il Veneto, la ragione dei capannoni e delle piccole imprese, che sta patendo da anni gli effetti della crisi, dove decine di imprenditori si sono tolti la vita, dove centinaia di aziende hanno chiuso, dove migliaia di lavoratori hanno perso il posto di lavoro… Questo è il problema principale, e su questo il Pd ha molto da dire. Di chi è, se non nostro e in particolare del nostro segreatario, il merito di aver portato al centro del dibattito proprio la questione dell’economia e del lavoro?

E non fermiamoci ai Contenuti, andiamo anche oltre, senza alcuna paura, senza il timore di sembrare fuori moda: andiamo agli IDEALI e ai VALORI. Perché questo è un grande patrimonio che nessuno può scippare al Partito Democratico. Possono portarci via qualche parlamentare, qualche sindaco, qualche consigliere regionale, qualche pezzo di partito, ma non possono privarci degli IDEALI e dei VALORI.

E’ attorno agli ideali e ai valori che dobbiamo tornare ad appassionarci, noi in primo luogo, e ad appassionare i nostri elettori. Cerchiamo di appassionarci un po’ di più agli IDEALI e AI VALORI e un po’ di meno ai simboli e alle persone, che sono e rimangono essere umani e come tali sono fallibili…

Se sapremo resistere alla tentazione del personalismo, saremo un partito più forte, consapevole della sua forza collettiva, e non un partito che appare, talvolta, come la somma di singole personalità. E questo avviene sia a livello centrale che periferico.

I grandi ideali di giustizia e di uguaglianza, le battaglie per i diritti civili e per la democrazia: è questo che deve appassionarci. Questa passione io la intravedo nelle giovani generazioni, molto meno tra la mia generazione (ho quasi 40 anni), la riscontro invece pienamente tra gli anziani. Gli anziani hanno ancora molto da dirci.

La nostra iscritta più anziana aveva 93 anni, si chiamava Severina Beccaro, in gioventù era stata partigiana, come molte anziane di Cadoneghe. Una settimana fa ci ha lasciati. Solo pochi mesi fa, tra i primi a farlo, è venuta in sede, ha percorso con passo lento ma deciso le due rampe di scale, ha ritirato per l’ennesima volta la sua tessera, ha dato il suo contributo al Partito Democratico, ha ringraziato ed è tornata a casa.

Anche se le mancava poco da vivere, Severina ha affidato al Partito Democratico la speranza di una vita intera: fare dell’Italia un paese più giusto, più equo, più democratico, dove possa trovare finalmente piena attuazione la nostra Costituzione, quella Costituzione per la quale Severina ha rischiato la sua vita. E noi abbiamo il dovere di farlo, non c’è più tempo da perdere, non ci sono più occasioni da sprecare.

Alberto Savio

Roma, Assemblea Nazionale Segretari di Circolo – 23 giugno 2012
[ foto SALVATORE CONTINO ]

> IL VIDEO DELL’INTERVENTO

giu 20

La Festa Democratica di Cadoneghe arriva anche quest’anno, puntuale, a luglio, da sabato 7 a domenica 15, vicino allo Stadio Comunale di Mejaniga “Martin Luther King”.

Un grande “grazie” alla generosità delle volontarie e dei volontari (oltre un centinaio) che rendono possibile questo appuntamento, consentendoci di trascorrere qualche ora insieme, mangiando (bene, naturalmente…), ballando, divertendoci, confrontandoci, partecipando ai dibattiti…

La Festa permette al nostro Circolo di esistere, con la sua sede e la sua attività politica. E ci ha permesso anche di dare un piccolo ma significativo aiuto a chi sta peggio di noi. Abbiamo di recente versato 1.000 euro sul conto del PD Emilia Romagna per le popolazioni terremotate e intendiamo versarne altri, frutto dei proventi di questa edizione della Festa.

Questa Festa cade in un periodo, che dura purtroppo da anni, segnato da un profondo distacco tra cittadini e politica e soprattutto tra cittadini e partiti.

Questa crisi di credibilità della politica sta mettendo a dura prova la nostra democrazia, della quale i partiti sono un elemento essenziale. Interrogarsi sulle cause è perfino superfluo: inutile ripeterle qui, tanto sono evidenti e riempiono le pagine di tutti i quotidiani, ogni giorno.

Oggi, a meno di un anno dalle elezioni politiche del 2013, che daranno all’Italia un nuovo governo, il Partito Democratico rimane una risorsa preziosissima, un baluardo per la tenuta del nostro sistema-paese, che da oltre un anno vive una situazione di estremo pericolo.

Il segretario Pier Luigi Bersani ha fissato tre paletti fondamentali nel cammino verso il rinnovo del Parlamento: nuova legge elettorale con superamento del Porcellum (eredità del centrodestra Lega-Pdl che tanti danni ha fatto e sta facendo alla nostra democrazia); l’apertura alla società civile, ai movimenti, a tutti i cittadini che voglio contribuire a rimettere sui giusti binari il nostro paese; infine le primarie, libere e aperte, per la scelta della guida del prossimo governo.

Un anno fa avevamo ancora un governo che ci ha screditati agli occhi del mondo intero e ha frantumato in pochi anni i fondamentali della nostra economia. E’ il momento di voltare pagina nettamente. Serve un cambiamento costruito per durare, fondato sulla generosità, sulle competenze, sui valori e gli ideali che sono il nostro patrimonio più prezioso: un patrimonio che ha radici lontane e un futuro da costruire, tutti insieme.

La Festa Democratica, coi suoi valori e la sua storia, è un piccolo tassello di futuro: significa generosità, confronto, spazi aperti alla discussione. Buona Festa!

Alberto Savio
segretario Pd Cadoneghe

giu 18

Sabato 23 giugno i giovani democratici di Cadoneghe organizzeranno una colletta alimentare dove i ricavati saranno interamente devoluti alle popolazioni colpite dal sisma in Emilia. I beni raccolti saranno interamente affidati alla protezione civile di Vigonza, che si impegnerà a consegnarli a chi ne ha bisogno senza intralciare con le operazioni di assistenza e soccorso.

Si chiede un piccolo contributo che possa aiutare chi è in difficoltà. I materiali più richiesti sono:
ANTIZANZARE
ACQUA POTABILE IN BOTTIGLIA
CARTA IGENICA
DISINFETTANTI ED ARTICOLI SANITARI
DETERSIVI
SCATOLAME

Purtroppo non è possibile raccogliere materiale deperibile dal momento in cui non abbiamo la possibilità di consegnare la merce nell’immediato, ma solo a distanza di tre o quattro giorni.

Il punto di raccolta principale sarà la sede di Cadoneghe del PD. Lì si potranno trovare i nostri volontari dalle 09:00 alle 12:30 di sabato 23 giugno.
SAREMO PRESENTI ANCHE AL MERCATO DELLA CASTAGNARA E ALL’ALI’ DI CADONEGHE (piazza Sindacato).
CHIEDIAMO A TUTTI UN PICCOLO CONTRIBUTO, SE VOLETE PORTARE QUALCOSA O AIUTARCI A RACCOGLIERE IL MATERIALE SIETE I BENVENUTI!

PER INFO: ALICE 3201524718

« Articoli precedenti