nov 25

Negli ultimi tre anni il settore dell’Edilizia ha sentito più di altri la durezza della crisi: i lavoratori hanno sofferto ritardi di oltre sei mesi per ottenere la cassa integrazione, le costruzioni si sono bloccate, le aziende esposte al credito hanno faticato a chiudere i bilanci e alcune sono state costrette a chiudere.

Nella nostra provincia gli addetti sono più di 6000 e l’indotto è molto diffuso e coinvolge una serie di artigiani e piccole imprese in ogni paese.

Si tratta di una crisi molto grave, forse meno evidente di quella che coinvolge un singolo stabilimento perchè più diffusa, ma che merita attenzione e risposte di prospettiva.

E’ utile ricordare che l’edilizia a Padova rappresenta una fetta importante del prodotto interno della Provincia: sono molte le domande che occorre porre agli operatori e alle istituzioni per costruire insieme un percorso comune attraverso il quale offrire nuove soluzioni per la nostra economia.

Il Partito Democratico invita tutta la cittadinanza a prendere parte a questo confronto tra sindacati, costruttori, artigiani, istituzioni e politica sul futuro dell’Edilizia a Padova.

nov 25

Dopo due anni di assenza torna a Cadoneghe – presso lo Stadio M. L. King, in viale della Costituzione 3 – la pista di pattinaggio sul ghiaccio, le cui dimensioni sono state aumentate. La pista misura quasi 400 mq e rimarrà aperta al pubblico fino al 28 febbraio 2012.

Come sempre, festoso contorno di bancarelle natalizie con creazioni handmade, luci, colori, cioccolata calda, dolci, panini, piadine romagnole.

Gestito dalle associazioni 4emotion e ASD Sphera, in collaborazione con il Comune di Cadoneghe, l’impianto sarà in funzione tutti i giorni, compresi il 25 dicembre, l’1 e il 6 gennaio. Tutti gli aggiornamenti sugli orari e su eventi speciali in via di definizione saranno disponibili sul sito http://www.pattinaggiosulghiaccio.net .
Per informazioni : tel. 3923271890, mail info@4emotion.eu.

ORARI DI APERTURA
Dal 26 novembre aperta tutti i giorni: feriali dalle 14.30 alle 20.00, festivi e prefestivi dalle 10.00 alle 22.00.
Dal 24 dicembre all’8 gennaio: feriali dalle 10.00 alle 20.00, festivi e prefestivi dalle 10.00 alle 22.00 (sabato 1 gennaio dalle 14.30 alle 22.00)

BIGLIETTO DI INGRESSO
Feriali fino ai 12 anni € 3,00, adulti € 4,00. Festivi e prefestivi fino ai 12 anni € 4,00, adulti € 5,00. Noleggio pattini € 2,00.

nov 25

Appuntamento alla Sala Consiliare di Vigodarzere, lunedì 28 novembre alle 20,45, per conoscere tutti i benefici ambientali ed economici del fotovoltaico. Lunedì 5 dicembre sarà poi la volta di Cadoneghe (in Sala Consiliare, sempre alle 20,45). A proporre gli incontri – a ingresso libero – è il Gruppo di Acquisto Fotovoltaico (G.A.F.) Sole in Rete (www.soleinrete.it), promosso da EnergoClub Onlus ( www.energoclub.org ) in collaborazione con l’Assessorato all’Ambiente e con il patrocinio dei Comuni di Vigodarzere, Cadoneghe e di oltre quaranta Amministrazioni venete e friulane.

Con la creazione del G.A.F. “Sole in Rete” EnergoClub, associazione nazionale per la riconversione del sistema energetico, fornisce un servizio di orientamento e di consulenza tecnica ai cittadini al fine di ottimizzare il rapporto qualità-prezzo di impianti fotovoltaici per abitazioni e piccole imprese, garantire il rispetto dei tempi di installazione, valutare la redditività dell’investimento, accedere a servizi integrativi.

Nel corso della serata informativa gli esperti e i diversi attori, coinvolti a vario titolo, spiegheranno in modo chiaro e semplice il funzionamento e i vantaggi dell’aderire al G.A.F, i meccanismi del Conto Energia, il ritorno economico dell’investimento, i criteri nella selezione di marche e fornitori utilizzati dalla commissione del G.A.F., le formule di finanziamento a costo zero, la copertura delle polizze assicurative, le garanzie integrative, il servizio di monitoraggio della produzione (per rilevare tempestivamente eventuali anomalie). Saranno illustrati anche i vantaggi relativi alla sostituzione e allo smaltimento delle coperture in amianto e la garanzia di maggiore convenienza economica per chi sceglierà di installare a breve un impianto fotovoltaico.

nov 22

Il 25 novembre è il Giorno Internazionale della Non Violenza nei Confronti della Donna. La commemorazione di questa data ha origine al primo Incontro Internazionale Femminista, celebrato in Colombia, nel 1980, quando la Repubblica Dominicana la propose in onore alle tre sorelle dominicane Patria, Minerva e Maria Teresa Mirabal, uccise per aver combattuto la dittatura.

“La violenza contro le donne persiste in ogni paese del mondo come pervasiva violazione dei diritti umani e maggior ostacolo alla realizzazione dell’uguaglianza di genere.
Perpetuata dallo Stato e dai suoi agenti, dai membri della famiglia o da estranei, nella sfera pubblica o privata, in tempi di pace e di guerra, tale violenza è inaccettabile.
(…) Fino a quando essa perdurerà, noi non potremo pretendere di progredire realmente verso l’uguaglianza, lo sviluppo, la pace.” da: “Studio approfondito di tutte le forme di violenza contro le donne”

Segnaliamo l’iniziativa del Comitato provinciale di Padova di SENONORAQUANDO: un sit in in Piazza dei Signori dalle ore 16.00.

nov 22

Alessandro Naccarato presenta il suo libro “Il Capo”, dedicato ad Alberto Cassol, nato nel 1927 e scomparso due anni fa. Alberto Cassol, il partigiano “Falce”, professore universitario di Chimica, fu per decenni un punto di riferimento per la sinistra a Padova e a Cadoneghe, dove venne ad abitare nel 1971.
La presentazione avrà luogo domenica 4 dicembre 2011 alle ore 9.30 in Sala Consiliare a Cadoneghe, alla presenza, oltre che dell’autore, di Umberto Zampieri, presidente di Nuova Società, Mirco Gastaldon, sindaco di Cadoneghe, Flavio Zanonato, sindaco di Padova, gli ex sindaci di Cadoneghe Elio Armano e Sandra Baldan, il sen. Tino Bedin. Tutta la cittadinanza è invitata a partecipare.

nov 21

Il deputato del Pd Alessandro Naccarato ha partecipato domenica 20 novembre a un incontro con iscritti e simpatizzanti nella sede del Circolo di Cadoneghe del Partito Democratico.

E’ stata l’occasione per fare il punto sulla nascita del nuovo governo Monti e sulla chiusura di un ciclo politico durato molti anni e arrivato ormai, finalmente, al capolinea. La fine del berlusconismo, ha detto Naccarato, obbligherà anche la nostra parte politica a confrontarsi molto di più sui temi e sui contenuti: non esisterà più la scorciatoia del “no” a priori. Si apre, per il nostro partito, una nuova fase, che porterà ad assunzioni di responsabilità, perché la situazione economica impone scelte urgenti e riforme non più rinviabili.

Il governo Berlusconi, ha detto Naccarato, è arrivato al capolinea dopo un anno di paralisi parlamentare. Di fatto non sono più riusciti ad approvare una legge importante. Questa nuova fase politica sarà tutta da decifrare. Di certo c’è un rapporto più stretto tra il Pd e le forze politiche di centro. Il ruolo di Napolitano è stato fondamentale, anche per riportare al centro la funzione del Parlamento: l’Italia non è una repubblica presidenziale e la presenza dei nomi dei candidati a capo del governo nei simboli elettorali è una forzatura che deve far riflettere.

Naccarato ha ricordato le analogie tra questo passaggio politico e gli anni 92/93 quando l’Italia si trovò a dover fare scelte analoghe per il risanamento dei conti pubblici e poco dopo iniziò l’ascesa di Berlusconi e l’affermazione di populismi e movimenti demagogici, anti-europei e inneggianti all’egoismo sociale. La situazione italiana è bloccata da vent’anni. Non sono state fatte le riforme necessarie in tutti questi anni per rilanciare l’economia e ora ci troviamo a dover affrontare l’emergenza in un contesto nel quale si è radicata l’antipolitica, il leaderismo, c’è un senso civico da ricostruire, e l’evasione fiscale e la corruzione sono comportamenti ampiamente tollerati e giustificati.

In questo ventennio è prevalsa la conservazione, ora è necessario spingere sulle riforme e questa è la grande opportunità che si apre per il Pd, che ha già elaborato numerose proposte in materia.

Il governo Monti rappresenta una fase transitoria, di tregua e di pacificazione sociale. Ha il compito di portare fuori l’Italia dall’emergenza della crisi economica, elaborando proposte nel segno dell’equità, finalizzate alla riduzione del debito pubblico e alla crescita. L’alternativa sarebbero state le elezioni anticipate, in un contesto economico gravissimo, e con quale garanzia di governabilità? Per questo un periodo di decantazione non può che far bene al clima politico del paese.

Il Partito Democratico attende le proposte del governo sul fronte del risanamento economico ed è pronto a discutere, partendo dalle linee politiche già elaborate dal Partito, provvedimenti come la lotta all’evasione fiscale, la vendita di patrimonio pubblico, l’ici, la patrimoniale, l’alleggerimento del peso fiscale sulle imprese, l’aumento dell’Iva contestuale al mantenimento degli sgravi, la riduzione dei costi della politica, le pensioni.

Alla relazione di Alessandro Naccarato sono seguiti numerosi interventi da parte del pubblico che hanno toccato soprattutto i provvedimenti ventilati su pensioni, iva, riforma del welfare, la disoccupazione giovanile. Una discussione vivace sui temi che saranno al centro del dibattito politico dei prossimi giorni.

« Articoli precedenti